Don Milani: la parola che fa uguali

Don Milani: la parola che fa uguali

A cinquant’anni dalla morte viene spontaneo ricordare don Milani, e sentirlo vivo! Ancora oggi i nostri giovani lo leggono e rimangono toccati. Ed è bello che, nel dare nome a dei segni concreti di rinnovamento pastorale, per i percorsi che mettono insieme famiglie-parrocchie e scuole per contrastare l’insuccesso scolastico è venuto di pensare all’Ottavo sacramento che per don Milani è la scuola che eleva, dà parola e dignità.

Nel nome di Don Pino Puglisi (1997-2017)

Nel nome di Don Pino Puglisi (1997-2017)

Dal 21 marzo 1997 la Casa di accoglienza, sorta a Modica nel 1990, è intitolata a don Pino Puglisi. La scelta venne fatta insieme al vescovo Mons. Salvatore Nicolosi, che disse: «Intitoliamo questa Casa del Seminario, che era chiusa ed è stata riaperta e ristrutturata per ospitare donne e bambini in particolari momenti della vita, a don Puglisi: perché così i seminaristi avranno il rimando ad un modello di prete che ha saputo vivere il suo ministero incarnandosi nella storia e mettendosi dalla parte dei più deboli per fedeltà al Vangelo e tutti avranno un modello di vita cristiana autentica».

No alla violenza sulle donne e sui bambini di Maurilio Assenza (2012)

No alla violenza sulle donne e sui bambini di Maurilio Assenza (2012)

Donne e bambini sono al centro dell’attenzione della Casa don Puglisi, per quella vulnerabilità che impegna ad essere con loro e per loro difesa e presenza. La Casa parte da storie concrete. Questo permette di dare nome precisi alla violenza, permette di coglierla anche laddove non si vede subito (come gli effetti sui bambini della mancata crescita di alcune mamme, che forse rimanda a una più ampia responsabilità di tutti noi adulti, di tutti noi adulti che non sempre siamo tali).